1-L’ALTEZZA

L’ALTEZZA

L’altezza è quella caratteristica che ci fa distinguere un suono basso da uno alto e gli aggettivi utilizzati, quando si parla dell’altezza dei suoni, sono grave (basso) e acuto (alto).

grave

I suoni gravi sono quelli prodotti da un numero basso di vibrazioni, mentre i suoni acuti sono prodotti da un alto numero di vibrazioni. Il ripetersi delle vibrazioni in un secondo, determina la frequenza. L’unità di misura della frequenza è l’Herz che indica con Hz) dal nome del fisico tedesco che studiò questo fenomeno.

image002

Esempio di aumento della frequenza di un suono e quindi della sua altezza

frequenza

Esempio di suono uguale e altezza differente

suono all'ottava

 INFRASUONI E ULTRASUONI (Video)

Ci sono dei suoni che il nostro orecchio non riesce a sentire perché hanno un numero di vibrazioni troppo alto (sono troppo acuti) oppure perché hanno un numero di vibrazioni troppo basso (sono troppo gravi). L’orecchio umano è in grado di percepire suoni con frequenza compresa da un minimo di circa 16 Hz a un massimo di circa 20.000 Herz. I suoni con un numero minore di 16 Herz si chiamano infrasuoni, mentre quelli con un numero maggiore di 20.000 Herz si chiamano ultrasuoni.

Questi ultimi vengono però percepiti da alcuni animali come cani, delfini e pipistrelli.

infrasuoni-e-ultrasuoni

COME SI SCRIVE L’ALTEZZA DEI SUONI

Nella scrittura musicale tradizionale i suoni si indicano con dei simboli grafici. Si tratta di “tondini” diversamente disegnati, detti note, collocati in base all’altezza su un rigo particolare formato da cinque linee e chiamato pentagramma.

pentagramma

L’altezza dei suoni, ricordiamo, è determinata, cioè precisa, e a ciascun suono corrisponde un nome:

DOREMIFASOLLASI

Canto: Do Re Mi

BASE Canto: Do Re Mi

Pubblicità