PIERINO E IL LUPO

PIERINO E IL LUPO

di Sergej Sergeevic Prokofiev

LA TECA DIDATTICA   –   Pierino e il lupo

Posso raccontarvi una storia?

Allora…C’era una volta…Ma che storia! Non è una storia normale: questa è una fiaba musicale. E tutte le fiabe, come voi sapete, hanno dei personaggi. Ma qui, in questa
fiaba, ogni personaggio è rappresentato da un diverso strumento musicale. Pensate che soddisfazione!

Ora, per farvi riconoscere i personaggi ogni volta che appaiono, io chiederò ai vari strumenti musicali di presentarsi a voi. State a sentire,dunque.
Prima di tutto l’uccellino.

L’uccellino è rappresentato da un flauto. (ascolta)

L’anitra dall’oboe. State a sentire l’oboe. (ascolta)

Il gatto lo fa il clarinetto. (ascolta)

Il nonno, molto severo, è rappresentato dal fagotto. (ascolta)

Il lupo da tre corni. Eccolo che viene! (ascolta) – GLI OTTONI DELL’ORCHESTRA

E Pierino, l’eroe della nostra storia, Pierino così importante è rappresentato da tutti gli

archi dell’orchestra. (ascolta) – GLI ARCHI DELL’ORCHESTRA

E poi ci sono i cacciatori. Sono meno importanti di Pierino, ma sono importanti anche loro e sono rappresentati dai legni. (ascolta) – I LEGNI DELL’ORCHESTRA

Pensate un po’ che anche lo sparo dei fucili ha un motivo; ed è suonato dai timpani. (ascolta) – LE PERCUSSIONI DELL’ORCHESTRA

Oh! Abbiamo fatto le presentazioni. E ora…immaginatevi la scena. Si
entra dentro la storia, in una casetta, circondata da un grande
giardino, circondato a sua volta da una staccionata. Fuori, nel prato,
c’è un grosso albero e uno stagno, non molto lontano da una foresta
buia e misteriosa.

Disegna l’ambientazione della fiaba così com’è stata descritta.296f8cf179196cf408aa395427dd47b2

Una mattina di buon’ora Pierino aprì il cancello e uscì sul prato verde che
circondava la sua casa. (ascolta)

Sul ramo di un grande albero era appollaiato un uccellino, amico di Pierino. Non
appena lo vide arrivare cinguettò allegramente “È tutto tranquillo”. (ascolta)

Accanto a Pierino un’anatra avanzò dondolandosi. Era contenta che il ragazzo non avesse chiuso il cancello e decise di farsi una nuotatina nel profondo stagno in mezzo al
prato. (ascolta)

Vedendo l’anatra, l’uccellino volò giù dall’albero, si posò sull’erba
vicino a lei e alzò le spalle (ascolta)

“Ma che razza di uccello sei che non sai volare” – disse. E l’anatra replicò:- “Ma che razza di uccello sei tu che non sai nuotare” SPATACIUNFF e si tuffò nello stagno. (ascolta)

Seguitarono a litigare per un bel po’, l’anitra nuotando nello stagno e l’uccellino saltellando sulla riva erbosa. (ascolta)

Ad un tratto qualche cosa attirò l’attenzione di Pierino. Era un gatto che avanzava
misterioso tra l’erba. (ascolta)

Il gatto pensò: “Ah, ecco! L’uccello è impegnato a discutere così non mi sarà difficile catturarlo e mangiarlo”. E cominciò a strisciare verso di lui sulle zampe di velluto. (ascolta)

“Attenzione!” gridò Pierino e l’uccellino volò svelto sull’albero. (ascolta)

L’anatra fece “Qua Qua” al gatto dal bel mezzo dello stagno. (ascolta)

Il gatto girava intorno all’albero e intanto pensava: “Ma vale la pena d’arrampicarsi così in alto? Quando sarò lassù l’uccello sarà già volato via”. (ascolta)

Uscì il nonno. Era arrabbiato perché Pierino aveva disobbedito: “Il prato è un posto pericoloso, Pierino! Se un lupo dovesse sbucare dal bosco, che cosa faresti?”

Pierino non prestò attenzione alle parole del nonno. I ragazzi come lui non hanno paura dei lupi. Ma il nonno lo prese per mano, chiuse il cancello e condusse Pierino verso casa. (ascolta)

Pierino si era appena allontanato che un grande lupo grigio sbucò dalla foresta. (ascolta)

In un baleno il gatto si arrampicò sull’albero.(ascolta)

L’anatra starnazzò terrorizzata e stupidamente balzò sulla riva. (ascolta e leggi fino all’ascolto successivo)

Prese a correre con tutte le sue forze, ma un’anatra non può essere più veloce di un lupo.
Il lupo si avvicinava, sempre di più, finché la raggiunse, ecco!

L’afferrò e ne fece un sol boccone.

Ed ora ecco come stavano le cose: il gatto si era accucciato su un ramo. (ascolta e leggi fino all’ascolto successivo)

L’uccellino appollaiato su un altro,

non troppo vicino al gatto, naturalmente.

Il lupo camminava intorno all’albero guardandoli con occhi ingordi.

Intanto Pierino guardava quel che stava succedendo da dietro il cancello, e senza un briciolo di paura. (ascolta)

Corse in casa, prese una corda robusta e si arrampicò sull’alto muro di pietra. uno dei rami dell’albero intorno al quale girava il lupo si protendeva oltre il muro.  Afferrando il ramo Pierino riuscì ad arrampicarsi e così si ritrovò sull’albero. (ascolta)

Poi disse all’uccellino: ”Vola giù e mettiti a svolazzare intorno al muso del lupo. Attenzione però: non farti acchiappare!” L’uccellino quasi toccava il muso del lupo con le ali mentre questo, aprendo la bocca, spiccava salti fulminei cercando di azzannarlo. Mamma mia come l’aveva fatto inferocire! Ragazzi, come voleva afferrarlo! Ma l’uccellino era molto più furbo della belva e continuava il suo gioco. (ascolta)

Intanto Pierino aveva fatto un bel nodo scorsoio e cautamente lo calò giù dall’albero. (ascolta)

Riuscì a infilarlo nella coda del lupo e tirò con tutte le sue forze. Sentendosi preso in trappola, il lupo si mise a saltare furiosamente cercando di  liberarsi.

Ma Pierino niente! Legò l’altro capo della corda all’albero…

e più il lupo saltava, più stringeva il nodo scorsoio. (ascolta)

Proprio in quel momento … i cacciatori uscivano dalla foresta.

Seguivano le tracce del lupo e sparavano ad ogni passo. (ascolta)

“Smettetela di sparate” – disse Pierino ancora seduto sull’albero. L’uccellino e
io abbiamo già catturato il lupo. Aiutateci piuttosto a portarlo al giardino
zoologico!” (ascolta)

E allora…

Immaginatevi che marcia trionfale (leggi e ascolta): Pierino in testa, dietro i cacciatori che trascinavano il lupo. Il nonno e il gatto chiudevano il corteo . Il nonno scuoteva la testa e continuava a brontolare: “E se Pierino non fosse riuscito a catturare il lupo, che sarebbe successo, eh?” (ascolta)

Sopra di loro volteggiava l’uccellino cinguettando allegramente: “Però che tipi coraggiosi siamo Pierino ed io. Guardate che cosa siamo riusciti a catturare!” (ascolta)

Se qualcuno avesse ascoltato con attenzione, avrebbe sentito l’anatra che faceva
QUA! QUA! QUA! nella pancia del lupo che per la fretta, quello scemo, l’aveva
inghiottita viva! (ascolta)

FINE

BALLETTO DI PIERINO E IL LUPO

VERIFICO LE MIE COMPETENZE CON IL

QUIZ N. 1

QUIZ N.2

Pubblicità