2-SECONDA META’ DELL’800

IL TARDO ROMANTICISMO

LA STORIA

Nella seconda metà dell’Ottocento esplodono i nazionalismi, che avevano ricevuto grande impulso dalle idee romantiche, e i Paesi europei vogliono rendersi indipendenti. Alcune nazioni espandono il loro dominio in altri continenti (imperialismo). Negli ultimi decenni del secolo la società europea è agitata da forti contrasti perché i lavoratori lottano per affermare il proprio diritto a una vita migliore, organizzandosi in sindacati e partiti politici. E’ un periodo di grande sviluppo tecnico-scientifico, che porta a importanti invenzioni: la lampadina, l’automobile, il cinema, il telefono, la vaccinazione e così via.

L’ARTE

Dal 1870 circa l’Europa vive un periodo di relativa tranquillità, senza grandi conflitti, in cui fioriscono l’arte e la cultura. Dapprima si afferma il Realismo, che si oppone all’arte sofferta e idealizzata dal Romanticismo: praticità e concretezza, crudezza e ironia si sostituiscono al sentimentalismo e alla tendenza all’esaltazione. In Francia, i pittori escono dai loro studi per dipingere in piena luce e per fermare sulla tela le fuggevoli impressioni delle immagini che nella luce si dissolvono: esplode il fenomeno dell’Impressionismo.

LA MUSICA

Nel secondo Ottocento si vanno affermando generi musicali che prendono ispirazione dal folklore popolare dei vari paesi: nascono le diverse scuole nazionali. I musicisti che vi aderiscono operano riforme radicali che investono tutte le strutture della musica: l’armonia, il ritmo, le forme e le melodie. Queste ultime spesso vengono direttamente “copiate” dal repertorio popolare, così come vengono riutilizzati i ritmi delle danze tipiche di ciascun Paese, sulla scia di quanto avevano già fatto Liszt e Chopin, rispettivamente per l’Ungheria e per la Polonia, Con Rapsodie, Polacche, Mazurke, Valzer.

GLI STRUMENTI

Nell’ambito della nuova visione nazionalista della musica, finalizzata al recupero delle melodie e dei ritmi popolari, riacquistano valore anche gli strumenti popolari e strumenti dimenticati per decenni dalla musica “colta”. In questo periodo, antichi strumenti popolari e strumenti utilizzati solo nelle bande musicali acquistano una dignità “orchestrale”. Tra essi, la chitarra, strumento principe della musica spagnola; lo xilofono e il glockenspiel, derivati dagli antichi strumenti a lamine; la fisarmonica, derivata dall’antico organo portativo; piccoli strumenti a percussione, come il triangolo, le nacchere spagnole e i fragorosi piatti.

VERIFICO LE MIE COMPETENZE CON IL

QUIZ N.1 – CHI L’HA SCRITTO?

QUIZ N.2 – IL ROMANTICISMO

QUIZ N.3 – INDOVINA CHI E’

QUIZ N.4 – APRI LA SCATOLA

QUIZ N.5 – ASSOCIA LE FOTO AI NOMI