1-LA NASCITA DEL CINEMA

MUSICA E CINEMA

 La nascita ufficiale del cinema risale esattamente al giorno 28 dicembre 1895, quando in un locale parigino furono proiettati alcuni cortometraggi dei fratelli Lumière, senza dialoghi, rumori né accompagnamento musicale.

Questa forma di spettacolo veniva chiamata “cinema muto” perché priva di voci e rumori. Per colmare questa mancanza si usavano didascalie in sovrimpressione, che servivano a fornire sintetiche informazioni sullo svolgimento della vicenda o a riprodurre battute degli attori. Più tardi si cominciò a mettere un semplice accompagnamento musicale alle immagini ad opera di musicisti presenti in sala, piccole orchestre (per le occasioni importanti) o semplici pianisti, che eseguivano brani presi da un repertorio già esistente. (Frankenstein).

Considerato che abbinare musiche e immagini in modo casuale poteva rovinare l’efficacia dello spettacolo, si cominciò a pensare all’ipotesi di scrivere musiche adatte a ogni situazione e di stabilire una scaletta precisa di brani da usare nei film. Questo genere di spettacolo ebbe un successo travolgente, le sale cinematografiche diventarono più confortevoli e dotate di vere orchestre che accompagnavano la proiezione del film. Un salto di qualità venne compiuto nel 1914 quando fu proiettato per la prima volta il film “Cabiria”, scritto da Giovanni Pastrone con la collaborazione di Gabriele D’Annunzio e del musicista Ildebrando Pizzetti che compose una musica originale per questa pellicola.

 

Pubblicità