NEL MUSICAL

AMA E CAMBIA IL MONDO

(Musiche e libretto di Gérard Presgurvic – libretto in italiano di Vincenzo Incenzo)

1 – PROLOGO – RAGAZZI CHE ALLE GRIDA OPPONGONO SOSPIRI + ODIO LA PACE  (Recitato)

Nel cuore di Verona,
Teatro della storia,
La ruggine di un odio di cui non si ha memoria
Corrode senza pace
Due nobili casati:
Montecchi da una parte,
Dall’altra Capuleti.

Dai due fatali lombi poi sbocciano due fiori,
Ragazzi che alle grida oppongono sospiri.
Segnati dalle stelle andranno fino in fondo
Lasciando scritto in Terra
“Ama e cambia il mondo”

 

ODIO LA PACE  (Recitato)

Benvolio
Aspettate!
Aspettate, fermatevi!
Smettetela di battervi!

Tebaldo
Ma come? Ti fai trascinare a duello da.. da umili servi?
Ah, Benvolio, guarda in faccia la tua morte!

Ancora?
Sguaini e parli di pace?
La parola “pace” io la odio come odio l’Inferno, come odio te Benvolio! E come odio tutti i Montecchi!
Fatti sotto vigliacco. Dai, dai, DAI!
(risata)
Dai, dai dai!

2 – VERONA (Principe Cantato)

3 – LA SENTENZA DEL PRINCIPE  (Recitato)

Dico a voi!
Non uomini ma belve
Che volete spegnere il fuoco del vostro cieco furore
Con gli zampilli delle vostre vene.
Ascoltate la sentenza del vostro sdegnato Principe:
Se ancora una volta oserete turbare in questo modo le nostre Contrade
Vi farò pagare con la vita l’infrazione alla pace.
Via tutti di qua!
Voi Capuleti, venite con me.
E voi Montecchi questa sera vi farete trovare qui, al Castello di Villafranca.
Solo allora saprete la mia risoluzione in merito.
Via tutti di qua, ripeto.
Pena la morte!

4- IO TREMO (Romeo cantato)

5- CONVERSAZIONE TRA ROMEO E BENVOLIO

6 – L’ODIO

Lady Capuleti
Dio, padre mio
Guarda quaggiù
Piangi anche tu
Qui dentro noi
C’è un mostro che
Vuole anche te

È l’odio, è l’odio
Ci aspira il sangue dalle vene
È l’odio, è l’odio
E ci fa gravidi il suo seme
È l’odio, è l’odio
Che affonda i denti in carne viva
È l’odio, è l’odio
Che non ha fonte e non ha riva
È l’odio che odio

Lady Montecchi
Io, io per voi
Provo pietà e voluttà
Dio ma perchè
Ho sete anch’io
Del seme suo?
È l’odio, è l’odio
Di padre in figlio marcirà
È l’odio, è l’odio
Avido di promiscuità

Lady Capuleti
È l’odio, è l’odio
Che nelle viscere si torce
È l’odio, è l’odio
Il sangue è l’unica sua merce

Lady Montecchi
Dannati voi senza pietà
Carogne in pasto agli avvoltoi
L’amore qui è morto già
E la pazzia vi acceca ormai

Lady Capuleti
Poveri voi senza umiltà
Ma che puttana è l’avidità
Poveri noi drogati ormai
Pupazzi vuoti in mano a lei

Insieme
Come si può vivere così
Morire qui, perchè? per chi?

Lady Capuleti
L’inferno mai farà gli eroi

Insieme
Sentite noi…
attenti a voi

7- LA DOMANDA DI MATRIMONIO  /R+C

(R)
Conte Capuleti
Non posso far altro che ripetervi quello che vi ho già detto prima, nobile Paride. Mia figlia non ha esperienza del mondo. Lasciamo ancora due estati appassire nel loro rigoglio. Eh?

Paride
Ma per pietà
Non dite no!
Datela a me
Io l’amerò
(R) : Ma ragazze che hanno meno di lei sono già madri

8 – QUANDO

Romeo
Non ho 20 anni ancora
Ho avuto ogni avventura
Ma tutte quelle donne
Non mi rubano un sospiro
Mi adorano lo so
E non le ho amate, no
Ed ho allagato sguardi
Voltando gli occhi miei
A quei corpi a cui non do niente
Non è che un freddo fuoco.
L’amore quando verrà?

Giulietta
L’amore che cos’è
Nei teneri anni miei?
Un giorno arriverà
Ma quel giorno non si sa
La vita che cos’è?
È l’inizio per me
Ma un vento di impazienza
Mi trascina con sé
Come il mare
Qui dentro al cuore
Canzoni sognate
L’amore quando verrà?

Romeo
Quando il suo nome?
Quando la sua voce?
Quando?

Giulietta
Quando le sue mani?
Quando i suoi baci?
Quando? Quando?

Romeo e Giulietta
Quando l’arco di Cupido
Punterà il mio cuore?
Quando sentirò un dolore
Annunciare il sole?
Quando dentro le mie vene
Scenderà quel bene
Fino ad impazzire
Più di quanto il cuore
Possa sopportare
Senza mai morire?
Quando?

Presto giureremo amore
Finalmente insieme
Perderemo il mondo
Per seguire un canto
Oltre ogni tempesta
Fermeremo il tempo
Sempre

Quando?

9 – QUATTORDICI ANNI  /R

Nutrice
Giulietta, fermati! Giulietta! Vostra Madre.

Giulietta
Eccomi Signora

Lady Capuleti
Nutrice, lasciaci per un momento. Dobbiamo parlare in segreto.
No, no resta pure qui Nutrice. Ora che ci ripenso è bene che tu sia presente. Tu sai che mia figlia ha ormai una certa età.

Nutrice
Ci scommetterei 14 dei miei denti che ancora non li ha 14 anni! Quanto manca alla festa del raccolto?

Lady Capuleti
Una quindicina di giorni o poco più

Nutrice
Verrà il primo d’agosto. La notte di quel giorno avrà 14 anni!

 Lady Capuleti

Dimmi Giulietta, che ne pensi del matrimonio con Paride?

Giulietta
Vedrò di aggradirlo. Ma gli occhi miei non lanceranno i loro sguardi più in là di quanto il vostro permesso dia loro forza di volare.

10 – IL GIORNO DEL SI’

11 – I RE DEL MONDO

12 – CONVERSAZIONE DOPO I RE DEL MONDO

15 – LA FESTA

16 – IL BALLO

LA FELICITA’ DELL’AMORE

Romeo
Lei veste seta leggera
Colori di magia
Ed è bella
Bella da impazzire
Bella che potrei
Pensare di morire
Per lei

Giulietta
Sparisce il mondo ormai
Davanti agli occhi suoi
E lui brucia
Come un angelo impuro
Senza più Paradiso
Cosi bello e dannato
Lui brucia

Romeo
Solo un bacio e poi
Se vuoi
Le labbra mie perdonerai

Giulietta
Solo un bacio e poi
Se vuoi
Le labbra mie ritroverai

Romeo
Solo un bacio e tu
Sarai
Sempre mia

Giulietta
Che prodigio mai tu sei
Vita mia

Romeo e Giulietta
Solo un bacio tra di noi
E mi darai l’eternità
Io e te
È il sogno che
Vuole la felicità
Che prigione mai tu sei
Che gelosa fai la libertà
Io e te
È il sogno che
Vuole la felicità

17 – IL PRIMO BACIO R

Romeo
Se io profano con la mia mano indegna questa reliquia sacra, le mie labbra sono pronte a rendere più molle, con un tenero bacio, il ruvido tocco.

Giulietta
Buon pellegrino, Voi fate troppo torto alla vostra mano che ha mostrato in ciò la devozione che si conviene.

Romeo
Dunque, lascia che le labbra facciano quello che fanno le mani, se non vuoi che la fede cambi in tormento!
(Giulietta tenta di scappare)
Ferma! Ferma, non muoverti intanto che io raccolgo il frutto della mia preghiera.
(Si baciano)

18 – ULTIMA PARTE DEL BALLO

È UNA VERGOGNA  /R

Tebaldo
Romeo! Zio!

Conte Capuleti
Sì?

Tebaldo
Zio! Quello è un Montecchi!

Conte Capuleti
Sì, è il giovane Romeo.

Tebaldo
Lui, lui… lui, proprio lui. Un nemico, un nostro nemico! Un miserabile venuto qui per dispetto a beffarsi di noi!

Conte Capuleti
Moderati! Nipote caro, lascialo in pace. Egli si conduce come un vero Gentiluomo.

Tebaldo
Un gentiluomo!

Conte Capuleti
Si

Tebaldo
Ma zio ma è una vergogna! Datemi un ferro! Datemi qualsiasi cosa! Io giuro sull’onore della nostra stirpe che se lo ammazzo non commetto peccato.

Conte Capuleti
VATTENE! Vattene insolente, vergogna…

Lady Capuleti
No!

Conte Capuleti
O stai buono tu o ti faccio star buono io. Via!

LA TRISTE SCOPERTA + TEBALDO  /R+C

(R)
Nutrice
Giulietta! Giulietta! Tua madre ti cerca.

Romeo
Chi è sua madre?

Nutrice
Sua madre è la padrona della casa! Una buona saggia e… e… virtuosa!

Benvolio
Via via, Romeo. Andiamo. Abbiamo già visto il meglio della festa.

20 –  SCENA DAL BALCONE

IL BALCONE + QUANDO reprise /R+C

(C)
Giulietta
A quale stella, a quale Dio
Devo la nostra passione
Chi vorrà mai su in cielo
Ma perché sei tu Romeo?

A quale stella a quale Dio
Devo il suo sguardo d’amore?
Che cosa è mai un nome
Proibito amore mio
Tra i padri regna l’odio
Tra i figli solo amore
Sorrideranno in cielo
Per Giulietta e Romeo

Romeo
A quale stella, a quale Dio
Devo il suo candido cuore?
Si compia il sogno in fretta
Di Romeo e Giulietta
Combatterò se devo
Abbatterò quel muro
Ma se è un diritto mio
Dov’è il peccato, Dio?

(R)
Giulietta
Se ti vedono, ti uccidono!

Romeo
C’è più pericolo nei tuoi occhi che in venti delle loro spade!
Guardami con dolcezza ed io sarò al sicuro da ogni nemico.

(C)
Giulietta e Romeo
Rinuncerò al mio nome
Potrai chiamarmi “amore”
Non sarà mai Verona
Del cuore mio padrona

Giulietta
Profuma un fiore anche se

Romeo
Non sai il suo nome qual è

(R)
Giulietta
Tu mi ami?

Romeo
Io ho paura che sia solo un sogno!

(C)
Giulietta e Romeo
A quale stella, a quale Dio
Devo il suo sguardo d’amore?
Si compia il sogno in fretta
Di Romeo e Giulietta
A quale stella, a quale Dio
Devo il suo immenso splendore?
Sorrideranno in cielo
Di Giulietta e Romeo

21 – ROMEO E GIULIETTA SI SALUTANO (R)
Giulietta
Non mi condannare se nel buio della notte ho in un attimo ceduto al tuo amore.

Romeo
Ma io…

Giulietta
Buona notte.

Romeo
Buona notte…
Ma come? Mi lasci così poco soddisfatto?

Giulietta
Quale soddisfazione vuoi avere questa notte?

Romeo
Il cambio del tuo fedele voto d’amore con il mio!

Giulietta
Ma io ti diedi il mio prima che tu lo chiedessi e tuttavia vorrei non avertelo ancora dato!
Mandami a dire domani per una persona che farò venire da te dove e in qual tempo tu vuoi compiere le cerimonia Ed io deporrò ai tuoi piedi il mio destino e ti seguirò come il Signore mio, per tutto il mondo!

(C, non presente nella versione CD)
Giulietta e Romeo
Presto giureremo amore
Finalmente insieme
Perderemo il mondo
Per seguire il canto
Oltre ogni tempeste
Fermeremo il tempo
Sempre

22 – BUONGIORNO PADRE /R

Frate Lorenzo
Grande è la potente virtù che risiede nelle erbe, nelle piante, nelle pietre e nelle loro deliziose nature. Non v’è nulla sulla Terra così vile da non portare alla Terra una sua qualche utilità. Nè qualcosa di così prezioso che sviato dal suo uso non si rivolti contro la sua origine e cada nell’abuso.

Romeo
Buongiorno Padre!

Frate Lorenzo
Figliolo mio! Stanotte il nostro caro Romeo non è andato a letto

Romeo
È vero. Ma il mio è stato un dolcissimo riposo!

Frate Lorenzo
E dove sei stato?

Romeo
Sono stato ad una festa. E lì… lì mi ha ferito colei che stavo ferendo!

Frate Lorenzo
Sii più chiaro figlio mio.

Romeo
Dunque, sappiate chiaramente che mi sono innamorato della figlia del ricco Capuleti!

Frate Lorenzo
San Francesco benedetto! E Rosalina? Colei che tu amavi così teneramente, l’hai bell’e dimenticata?
Allora… è vero che l’amore dei giovani non sta nel cuore ma negli occhi.

 QUALE AMORE /R+C

(C)
Frate Lorenzo
Quale amore vi muove?

Romeo
Quello che strazia il cuore

Frate Lorenzo
Il mio è per Dio

Romeo
È per lei quello mio

Frate Lorenzo
Quale amore vi brucia?

Giulietta
Quello che dà fiducia

Frate Lorenzo
Nel peccato cadrai

Romeo
Deve credere in noi!
Giuro dipingerei
Tutto il cielo di lei

Romeo e Giulietta
Per pietà
Giuri per pietà
Che ci sposerete
Per pietà

Frate Lorenzo
Chi va in fretta
Poi piange

Romeo e Giulietta
L’onda in noi non si infrange

Romeo
Questo amore tra di noi

Romeo e Giulietta
Ogni spada vincerà

Frate Lorenzo
Quale amore?

Romeo
Desiderate Dio
Io desidero lei
Il suo respiro è il mio
Gli occhi suoi sono i miei

Romeo e Giulietta
Vi prego, per pietà
Padre, per carità
Sposateci ora qui
L’ingiustizia cadrà

Frate Lorenzo
Il vizio e la virtù
Ecco la gioventù

Romeo
Sposateci ora qui
Non chiediamo di più

Romeo e Giulietta
Per amore

(R)
Frate Lorenzo
Vi aiuterò per una sola ragione: possa questa unione essere tanto felice da mutare in amore l’odio delle vostre famiglie.

23 – AMA E CAMBIA IL MONDO

Romeo
Ama e cambia il mondo
Ama e accendi il buio
Grida la tua presenza
Ama e cambia il mondo

Giulietta
Ama e ferma il tempo
Ama dai luce al pianto
Brucia nel desiderio
Ama cambia il mondo

Giulietta e Romeo
Ama con ogni forza
Ama senza paura
Dona ogni respiro
Ama e cambia il mondo

Ama e cambia il mondo
Ama fino al delirio
Grida la tua presenza
Ama e cambia il mondo

Ama non c’è peccato
Ama con le tue mani
Brucia nel desiderio
Ama e cambia il mondo

Ama e ferma il tempo [Giulietta: E cambia il mondo]
Ama e dai speranza [Giulietta: E dai speranza]
Dona vita alla vita
Ama e cambia il mondo

Ama senza confine [Romeo: Senza paura]
Ama passa ogni muro [Romeo: Con ogni forza]
Dona la pelle e il cuore
Ama e cambia il mondo
Ama

ATTO II

3 – VEDO SPUNTAR L’ORECCHIA /R

(R)
Mercuzio
Vedo spuntar l’orecchia di una lepraccia vecchia.
Per bocche senza un dente buona è la lepre rancida ma..

Benvolio
Buon Mercuzio ritiriamoci te ne prego, la giornata è calda e i Capuleti sono fuori di casa!

Mercuzio
Tu, tu somigli ad uno di quei compari che appena varcato il limite della taverna, mi sbattono l’arma sul tavolo e dicono: Dio, ti prego, fa che non abbia bisogno di te!
Se avessimo due uomini di questa patta resteremmo sempre senza nessuno di loro. Sai perché? Poichè uno ucciderebbe l’altro !!

Tebaldo
Messeri! Che la pace sia con voi.
Una parola ad uno di voi altri.. Ah, ecco il mio uomo, Romeo!
L’amore che ti porto, non può permettersi termine migliore di questo. Sei un vigliacco!

Romeo
Vigliacco io non sono, tu non mi conosci!

Tebaldo
Ma questo non ripagherà delle tue offese!

Romeo
Io non ti ho mai offeso!

Mercuzio
Fredda! Vile! Disonorevole sottomissione! Tebaldo!

Tebaldo
(urlando) Aaaah !

Mercuzio
Acchiappa topi! Fatti avanti !

 

4 -IL DUELLO

(R)
Romeo
Signori, signori.. risparmiamo questo scandalo. Tebaldo, Mercuzio, il Principe ha proibito queste zuffe !

(C)
Mercuzio
Tebaldo sai
Che sei nei guai
Ridi che poi
Non riderai
La spada mia
Tu assaggerai
Ti piacerà vedrai
Miagolerai
Voltati, dai
Re dei gatti tu sei
Tu, tu non sai
Che nausea mi fai
Tebaldo qui
Ti scannerò

Tebaldo
Mercuzio
No ma guardati, dai
Che uomo sei?
Tra le gambe cos’hai?
Sei un uomo a metà, sì
Sì, ecco chi sei
A terra striscerai
La lingua ingoierai
Tu appesti la città
Ma che agonia
Questi anni per me
L’attesa però
Compensata sarà
Mercuzio
Io ti ammazzerò

Romeo
Siete pazzi
Fermatevi per carità
Con la morte ogni nostro ideale cadrà
Per pietà

Insieme
Vivi
La vita è
Felicità
E verità
Vivi
La vità è
Sincerità
E volontà
Vivi
La libertà
Di dire sì
Di dire no

Romeo
In nome di Dio
Vi prego io
Fermatevi
Amico mio

Benvolio, Romeo
Vivi
La vita aspetta
Vivi
Mai più vendetta

Mercuzio
Quale pietà?
Lui morirà
No, no
No Romeo
Lui vivo no
È come chi
È in agonia
Non puoi che
Spazzarlo via

Tebaldo
Ma tu chi sei?
Sei mica il re, no?
Sei peggio tu di tutti noi
Sei ubriaco d’amore
E pisci pietà
Sei come gli avvoltoi
Che il sangue chiama già
Qui
La vita è guerra
Qui
O in cielo o in terra

Insieme
Vivi
La vita è
Felicità
E verità
Vivi
La vita è
Sincerità
E volontà
Vivi
Vivi
Vivi

5 – È SOLO UN GRAFFIO / R

(R)
Mercuzio
Romeo, sono ferito!

Benvolio
Come sei ferito?

Mercuzio
Ah no, no niente… Niente è solo, solo un graffietto, no

Benvolio
La ferita non può essere grave…

Mercuzio
No, no no no no. Non è fonda come un pozzo nè larga come un portale di un chiesa ma… basterà.
Perchè diavolo ti sei cacciato tra di noi?

Romeo
Credevo di agire per il meglio!

Mercuzio
Ho ricevuto il colpo da sotto il tuo braccio.
Chiedete di me domani e troverete un uomo muto come una tomba.
Sono condito per bene, questa volta me la sono beccata Romeo, e dura anche!
Peste… Peste alle vostre famiglie!

Romeo
Mercuzio! Mercuzio!

6 – CHI PAGHERA’

Tutti
La morte ha preso questa città
Chi pagherà?
L’assassino che fine fa?

Principe
Oh no
Lo punirò
In nome del potere che ho
Condannerò
L’assassino

Tutti
Chi pagherà?

 LA PIETA’ È ASSASSINIO /R

Principe
Per le vostre crudeli contese, il mio sangue è stato versato.
Né lacrime né preghiere riscatteranno le offese.
Perciò non versatele.
E subito, da qui, si allontani Romeo.

Lady Montecchi
Oh no!

Principe
Noi immediatamente lo esiliamo.
La pietà è assassinio quando perdona gli assassini.

8 – QUESTA È UNA TORTURA /R

Frate Lorenzo
Romeo basta piangere…

Romeo
Questa è tortura!
Il cielo è qui dove vive Giulietta! Ed ogni gatto, ogni cane, l’essere più insignificante può contemplare Giulietta, ma Romeo no, Romeo non può!

Nutrice
Le cose non son mai
Come vorremmo noi
Giulietta, adesso sai
Quel che io sapevo già
E tu piangi, piangi
Bambina mia
Il tuo dolore è il mio

Frate Lorenzo, Nutrice
Dio
Siamo noi così?
Siamo noi violenti?
Oh Dio
Siamo noi?
Mio Dio
Ma quanto sangue vuoi
Prima di scendere tra noi?
Dio
Perché ci metti al mondo e e poi
Poi abbandoni i figli tuoi?
Ed un ragazzo ancora muore

Balia / Fra Lorenzo

TI AIUTERO’ A RIVEDERE IL TUO Romeo /Giulietta

9 – FA GIORNO + L CANTO DELL’ALLODOLA  /R+C

(R)
Nutrice
Via, via! Via! Via! Giulietta!

Giulietta
Balia!

Nutrice
Tuo padre sta venendo in camera! Attenta, fa giorno!

Giulietta
Allora balcone, lascia entrare il giorno e tieni fuori la vita.

Romeo
Addio!

Giulietta
Ci rivedremo?

Romeo
Certo che ci rivedremo! E tutti questi dolori saranno materia di dolci racconti.

(C)
Romeo
Giulietta
Giulietta
L’allodola già canta
Allora è giunta l’alba
Io devo andare via

Giulietta
Romeo
Romeo
È solo l’usignolo
Ancora c’è la luna in cielo
Romeo resta qui
Amore mio
Impazzirò
Senza di te

Ama
Ama
Fino a che sia l’alba
Sulla mia pelle
Muoviti ancora

Romeo
Ama
Ama
Un’altra volta ancora
Che la giustizia umana
Non sia così vicina
Chi giudica non può
Avere amato mai

Giulietta
Quando il sole
Nasce tu andrai

Insieme
Ama
Ama
Fino a che sia l’alba
Tra le mie braccia
Fermati ancora

Sulla mia pelle
Muoviti ancora
Ama

10 – VEDRAI

tra parentesi graffe {} il testo della diretta Rai del 3/10/2013

Conte Capuleti
E sia
La mia bambina tu sposerai
E sia
La mia giunchiglia tu coglierai
Ho deciso per lei
E mai più piangerà
E di lei d’ora in poi
Il dolce cuore avrai
Avrai, avrai, avrai
La sua mano avrai

Lady Capuleti
Giulietta
Sei la bambina del tuo papà
Giulietta
Ma da domani donna sarai
E se Dio lo vorrà
Un bambino tu avrai
Ecco l’uomo per te
Con Paride vivrai
Vedrai, vedrai, vedrai
Ti unirai con lui

 

Giulietta [Capuleti]
Perché [Vedrai]
Mia balia se io non amo lui [Ti unirai con lui]
Perché [Vedrai]
Perché dovrei mai dire di sì? [Tu vedrai]
Meglio ormai morire [Non bestemmiare, no!]
Ma quel Paride perché?
Lui non è l’uomo mio {Lui non è l’uomo che}
C’è già Romeo per me {Sognavo accanto a me}

Capuleti
Vedrai, vedrai, vedrai
Ti unirai con lui

Vedrai con lui ti unirai
Vedrai con lui ti unirai

Giulietta
Per pietà
Via da me!
Questo no!
Per pietà

Capuleti
Tu farai quello che dice papà

Giulietta
No!

Capuleti
Vedrai, vedrai, vedrai
Ti unirai con lui

 VI SUPPLICO IN GINOCCHIO /R

Giulietta
No! No! Vi prego no! Vi prego!
Padre mio, vi supplico in ginocchio! Abbia la pazienza di ascoltare una sola parola!

Conte Capuleti
Impiccati puttanella! Sciagurata ribelle!
Bada bene a quello che ti dico! O giovedì tu vai in chiesa o non guardarmi più in faccia!

 

11 – PIANGI INSIEME A ME /R

Giulietta
Chiudi la porta!

Frate Lorenzo
Giulietta!

Giulietta
E piangi insieme a me!

Frate Lorenzo
Oh Giulietta, conosco già il tuo dolore…
Giovedì prossimo, e nulla potrò prorogarlo, tu dovrai essere maritata a questo Conte

Giulietta
No!
Se nella faccenda tu non puoi darmi nessun soccorso, dì almeno che la mia risoluzione è saggia e che con questo coltello mi porrò rimedio all’istante

Frate Lorenzo
Calmati! Calmati figliola. Calmati.
Se tu hai coraggio, io ti darò il rimedio. Torna a casa, mostrati allegra e acconsenti di sposare Paride.
Domani notte, quando sei a letto, bevi questo liquore preparato. Addormenterà in te la vita.
In questo stato di morte apparente, tu resterai per 42 ore e quindi ti desterai come da un plaicido sonno.
Prima che tu ti desti, Romeo, informato da una mia lettera, verrà qua. In quella notte stessa ti condurrà via… a Mantova.

Giulietta
Amore mi dia forza. E forza mi dia aiuto.

12 – DIO SA QUANDO CI RIVEDREMO + IL VELENO /R+C

(R)
Lady Capuleti
Vuoi che ti aiuti?

Giulietta
No Signora. Abbiamo già scelto le cose necessarie per la cerimonia di domani.

Lady Capuleti
Buona notte

Giulietta
Addio. Sa il Cielo quando ci rivedremo…

GIORNO MALEDETTO /R

Nutrice 
Giulietta! Giulietta! Via, dormigliona! Dormi adesso per una settimana prché domani notte il Conte Paride ti farà dormire molto poco.
Giulietta? Sveglia… Giulietta?
Il veleno… AIUTO! AIUTO!

Lady Capuleti
Che c’è? Che succede?

Nutrice
Guardate! Il veleno!

Lady Capuleti
La mia bambina!

Nutrice
Giorno maledetto!

(R)
Montecchi
Giulietta è morta!

13 – DEVO DIRLO

Benvolio

E son io [È a Romeo]
Che devo dirlo

Con che pietà
Lo guarderò? [Glielo dirò?]
Con che coraggio mai [Che cosa inventerò]
Glielo dirò? [E come lo dirò]
Che Giulietta non c’è più
E che è solo ormai quaggiù
Non c’è luna, mare o Dio
Che colmerà questo addio

Non posso, no
Lo ucciderò!

Con che pietà
Glielo dirò? […A QUI. Riprende sotto]

Che Giulietta è morta

Romeo
No… NO!

14 – SORTE AVVERSA /R

Frate Lorenzo
Frate Giovanni! Bentornato da Mantova! Allora, chi ha consegnato la mia lettera a Romeo?

Frate Giovanni
Eccola qui. Non ho potuto né mandarla né trovare un messo

Frate Lorenzo
Sorte avversa!

Frate Giovanni
Erano tutti spaventati dalla peste

Frate Lorenzo
Non era una lettera da niente!

Frate Giovanni
Ma io ho provato…

Frate Lorenzo
In queste tre ore Giulietta si sveglierà. Chissà quanto imprecherà contro di me perché Romeo non ha avuto notizie di questi avvenimenti. Povera bambina, chiusa nella tomba di un morto.

15 – LA TOMBA DI GIULIETTA + MORTE DI ROMEO /R+C

(R)
Paride
Vattene!

Romeo
No! Io non me ne vado!

Paride
No!

Romeo uccide Paride

(C)
Romeo
Che le avete fatto
Al mio amore?
Cosa ti hanno fatto
Mio cuore?
E chi ha vinto poi
Seprandoci?
Che le avete detto
Traditori
Per strapparle via dagli occhi
I colori?
Cos’hai fatto
E perché?
Chi ha spezzato mai
La tua grazia?
E questo cuore che
Si strazia

È finita
Io vado
E con te muoio anch’io
In un bacio
E io piango ma tu
Ora lascia che sia
Una volta di più
La tua bocca e la mia
Io vengo da te
C’è l’eternità
Davanti a noi

È finita
Io vado
E strappate pure via
Questo cielo
Guardatela occhi miei
Perché non tornerò
La porta del respiro
Per sempre fermerò
Io rimango con te
Che mondo sarà
Dopo di noi?

EGOISTA /R

Giulietta
Romeo!
Romeo!
Romeo!
Romeo!
No, no, no!
Romeo. Aiuto… AIUTO!

Frate Lorenzo
Giulietta!

Giulietta
Padre! Aiuto!

Frate Lorenzo
Vieni via, lascia questo nido di morte! Stanno arrivando le guardie!

Giulietta
Vattene! Io non vengo.
Egoista… l’hai bevuto tutto, senza lasciare una goccia che aiutasse me.

 

MORTE DI GIULIETTA  (titolo non ufficiale)

A che serve stare qui?
Invecchiare senza te
È un diritto anche morire
Se chi ci ama, più non c’è
Non cercate di capire
Non chiedeteci di più
L’amore ci ha bruciati vivi
Ma restate al freddo voi quaggiù
Io muoio per lui
Io muoio d’amore

Romeo
Romeo
Ormai niente ha più senso
Romeo
Si muore
Se l’alba arriva e poi non c’è
Il tuo sapore su di me

Può darsi voi proviate pena
È stata immensa quella mia
Vi lascio a questa assurda scena
Ma fatemi volare via
Io muoio per lui
Io muoio d’amore

Romeo
Romeo
Ormai niente ha più senso
Romeo
Non vivo
Se in questa notte di bugie
Non hai le labbra sulle mie
Romeo
Amore
Sarò presto al tuo fianco
Romeo
Si muore
Se l’alba arriva e poi non c’è
Il tuo sapore su di me

 EPILOGO /R

Questa mattina è foriera di una pace che rattrista.
Il sole, per il dolore, non mostrerà la sua faccia.
Alcuni saranno perdonati. Altri puniti. Poichè non ci fu mai storia più pietosa di questa, di Giulietta e del suo Romeo.

 

16 – COLPA NOSTRA (TUTTI)

Lady Montecchi
Che mai più la vita
Sia una barca nuda
Dentro i suoi flutti
Coi suoi figli e morti
E che Dio ci guardi
Cosa siamo ormai

Lady Capuleti
Che quei due bambini
Siano già vicini
Via da questa terra
Grembo d’odio e guerra
E che il loro volo
Trovi l’eternità

Lady e Conte Capuleti, Lady e Conte Montecchi
Povere famiglie
Senza figli e figlie
Strette in un corteo
Per Giulietta e Romeo

Tutti
Ecco noi chi siamo
Tribunale estremo
L’ultimo corteo
Di Giulietta e Romeo

Colpa nostra
Il cielo avrà
Per noi pietà?
Colpa nostra
Il cielo avrà
Per noi pietà?
Colpa nostra (Ama e cambia il mondo)
Il cielo avrà
Per noi pietà?
Colpa nostra (Ama e cambia il mondo)
Il cielo avrà
Per noi pietà?
Colpa nostra (Ama e cambia il mondo)
Il cielo avrà
Per noi pietà?
Colpa nostra
Il cielo avrà
Per noi pietà?
Colpa nostra (Il cielo avrà per noi pietà?)
Il cielo avrà
Per noi pietà?

Ama

 

Pubblicità